Vitigno

ribolla gialla (piccole percentuali di altre varietà locali); colline arenario – marnose

Esposizione

sud / sud – ovest

Resa / Ha

110 q/Ha c.a.

Allevamento

guyot

Colore

giallo tenue con sfumature verdognole

Profumo

ha bouquet piacevole e suadente, d’agrume e accenno di polpa di mela e fragolina di bosco

Gusto

ha sapore invitante, finissimo, elegante. L’acidità e la sapidità confortano il palato. Il sorso è seduttore e invoglia la beva

Temperatura di servizio

12°C

Gradazione alcolica

13% Vol. c.a.

Scarica scheda completa

Ribolla Gialla

Collezione Privata

(Collezione Privata)

LA STORIA

È il vitigno simbolo della nostra Azienda. Ha la sua culla d’origine in una parte del Friuli Colli Orientali e del Collio, italiano e sloveno. La storia della Ribolla è riccamente documentata. Al 1207 risale il primo documento che attesta l’esistenza di un vino Ribolla, che veniva prodotto con varietà diverse. Bisogna però attendere alcuni secoli prima di trovare uno scritto con riferimento certo al vitigno, era il 1822! La Ribolla gialla viene impiegata come varietà unica da circa settant’anni. Inizialmente era mosto solo parzialmente fermentato, oggi è molto apprezzata come vino fermo secco e come spumante.
(Costantini Enos, Mattaloni Claudio, Petrussi Carlo, La vite nella storia e nella cultura del Friuli, Forum Edizioni, 2007.)

la raccolta avviene a mano e con l’uso di macchine vendemmiatrici verso la metà di settembre e nelle ore più fresche della giornata. Attenta è la selezione delle uve in vigna.

l’uva viene pigiata e successivamente pressata. Dopo la decantazione del mosto a temperatura di 8°C per 24 ore, si innesca la fermentazione in acciaio per circa 15 giorni.

avviene parte in acciaio per circa 6-7 mesi, e parte in legno per circa 5-6 mesi (tonnezux e barrique). In questo periodo il vino rimane sulle fecce fini, poi si attua il bâtonnage sino a gennaio. Prima di essere imbottigliato, viene lievemente filtrato nel rispetto della sua integrità. Giace, quindi, al buio e nel silenzio della nostra cantina prima d’essere messo sul mercato.

ottimo con minestre, soprattutto creme e vellutate e piatti di pesce con salsa. Da provare con una sfoglia di pesto alla genovese e formaggio Brie o con un crostino di pane biologico spalmato di mousse al mascarpone e carciofo.

Annata 2017
5 Grappoli Bibenda da Fondazione Italiana Sommelier 5 Grappoli Bibenda Bianchi
2 Bicchieri Gambero Rosso – Vini d’Italia 2019 2 Bicchieri Gambero Rosso
90 pt. Luca Maroni 2019  Luca Maroni

 

Annata 2016
5 Grappoli Bibenda da Fondazione Italiana Sommelier 5 Grappoli Bibenda Bianchi
2 Bicchieri Gambero Rosso – Vini d’Italia 2018 2 Bicchieri Gambero Rosso