Vitigno

ribolla gialla

Esposizione

sud / sud – ovest

Resa / Ha

140 q/Ha c.a.

Allevamento

guyot – capovolto

Zuccheri

4 g/l, litro c.a.

Colore

giallo paglia

Profumo

si avverte un delicato bouquet di salvia, nocelle, agrume e pera

Gusto

distinto da piacevole freschezza e sapidità. Ampio in bocca. Le sottili bollicine di anidride carbonica sono ben fuse alla struttura del vino. La chiusura è marcata dalle note di agrume

Temperatura di servizio

8°C

Gradazione alcolica

12,5% Vol. c.a.

Scarica scheda completa

Ribolla gialla spumante extra brut

Collezione Privata

LA STORIA

È il vitigno simbolo della nostra Azienda. Ha la sua culla d’origine in una parte del Friuli Colli Orientali e nel Collio, italiano e sloveno. La storia della Ribolla è riccamente documentata. Al 1207 risale il primo documento che attesta l’esistenza di un vino Ribolla, che veniva prodotto con varietà diverse. Bisogna però attendere alcuni secoli prima di trovare uno scritto con riferimento certo al vitigno, era il 1822! La Ribolla gialla viene impiegata come varietà unica da circa settant’anni. Inizialmente era mosto solo parzialmente fermentato, oggi è molto apprezzata come vino fermo secco e come spumante.

(Costantini Enos, Mattaloni Claudio, Petrussi Carlo, La vite nella storia e nella cultura del Friuli, Forum Edizioni, 2007.)

l’uva, attentamente selezionata in vigna, viene raccolta manualmente verso l’inizio di settembre e nelle ore più fresche della giornata.

dopo la vendemmia l’uva viene pigiata e successivamente pressata in modo soffice. Si lascia quindi decantare il mosto fiore a temperatura di 8°C per 24 ore, quindi segue la fermentazione alcolica in contenitori d’acciaio a temperatura controllata. Terminata questa fase, il vino base viene destinato alla rifermentazione in autoclave, che si completa in circa due settimane.

lo spumante matura per 4-6 mesi nelle autoclavi arricchendosi di sostanze e profumi rilasciate dalla lisi del lievito. Si procede quindi all’imbottigliamento in condizioni isobariche per evitare la dispersione di anidride carbonica. Il vino per un periodo riposa coricato, al buio e nel silenzio della nostra cantina prima d’essere messo sul mercato.

consigliato su fritti delicati di verdure. Da provare con un crostino di pane biologico spalmato di un velo di burro, sul quale adagiare una fettina di carpaccio di trota salmonata.

Annata 2017
2 Bicchieri Gambero Rosso – Vini d’Italia 2019 2 Bicchieri Gambero Rosso
88 pt. Luca Maroni 2019 Luca Maroni