Sauvignon

TREVENEZIE IGT

LA STORIA

In Friuli il Sauvignon è considerano nato e cresciuto in quella terra. Ma i più ignorano la sua storia che è relativamente recente. Infatti la sua coltivazione è documentata a partire dagli anni ’80 del XIX° secolo. Dopo le distruzioni provocate dall’oidio, i possidenti friulani fecero arrivare da altri paesi europei varietà adatte a una produzione di qualità. È il caso del Sauvignon che transitò dalla regione francese di Bordeaux sino in Friuli (diverse sono le testimonianze scritte che lo provano), probabilmente assieme alla Sauvignonasse ovvero il Tocai, vitigno che alla fine dell’800 venne segnalato nella zona di Sauternes. C’è somiglianza tra Sauvignon e Sauvignonasse/Tocai per quanto riguarda la morfologia della vite e le caratteristiche dei vini, e infatti i contadini friulani chiamarono il Sauvignon “Tocai aromatico”.

(Costantini Enos, Mattaloni Claudio, Petrussi Carlo, La vite nella storia e nella cultura del Friuli, Forum Edizioni, 2007.)

Vitigno

sauvignon blanc

Suolo

terreni caratterizzati dalla presenza di Flysch di Marne e Arenarie di origine eocenica, localmente chiamati "Ponca"

Esposizione

sud / sud – ovest

Metodi di difesa

difesa fitosanitaria integrata ad impatto ambientale controllato

Degustazione

colore giallo paglierino con riflessi verdolini. Naso fresco e intenso con aromi di scorza d’agrumi, pompelmo rosa, pesca bianca, frutto della passione e peperone verde. Finale leggermente sapido e varietale con aromi di peperone verde

Temperatura di servizio

12°C

Gradazione alcolica

12% Vol. c.a.

Scarica scheda tecnica (italiano)

prima decade di Settembre, a macchina

pressatura soffice e illimpidimento del mosto, quindi fermentazione alcolica in acciaio per circa 15 giorni C.temperatura controllata di 16°-18°.C

terminata la fermentazione il vino rimane sulle fecce fini per circa 3 mesi

ottimo accompagnamento di piatti di pasta con verdure. Da provare con pasta zucchine e gamberetti, ottimo anche con formaggi di capra a pasta molle